1.000 o 2.000 euro: aumenta il tetto per i Fringe Benefit 100% deducibili.
Bollette, mutui e affitti prima casa tra i rimborsi detassabili, che si affiancano ai Buoni Acquisto.

Quali sono i nuovi limiti di defiscalizzazione per i fringe benefit? Chi ne ha diritto e cosa rientra nei fringe benefit 2024? Come cambiano e quali sono le novità per mutui e affitto? Scopri tutti i vantaggi per le Aziende e i Dipendenti.

Chi ne ha diritto

Tutti i lavoratori dipendenti privati e pubblici

Limiti importo

1.000€ a dipendente, che sale a
2.000€ se con figli a carico

Come si può spendere

Buoni Acquisto,
rimborso Bollette, Mutui e Affitto

Periodo di attuazione

Per il solo anno 2024.
Scade il 31 Dicembre 2024

Fringe benefit: le nuove soglie di esenzione

Con la Legge di Bilancio 2024, per tutto il 2024, il limite di esenzione fiscale e previdenziale per i fringe benefit (previsto a 258,23€ dall’articolo 51, comma 3, del TUIR) passa a 1.000€ all’anno per tutti i dipendenti, arrivando a 2.000€ per i lavoratori CON figli fiscalmente a carico (compresi i figli nati fuori del matrimonio riconosciuti, i figli adottivi o affidati), anche se a carico al 50%.

Quali sono i figli a carico per i fringe benefit

Per figli fiscalmente a carico si intendono i figli che, nel periodo di imposta 2024, abbiano un reddito complessivo, al lordo degli oneri deducibili, NON superiore a 2.840,51€. Per figli di età inferiore a 24 anni la soglia sale a 4.000,00€ (comma 2 dell'art. 12 del TUIR).
I figli devono essere fiscalmente a carico per tutto il 2024. Qualora, nel corso dell'anno, il reddito del figlio a carico sforasse la soglia massima prevista (quindi diventerebbe NON più a carico), il dipendente si vedrebbe trattenute tasse e contributi nello stipendio di dicembre, su tutto il fringe benefit erogato nel 2024.

Tra i beneficiari dell’agevolazione rientrano i titolari di redditi di lavoro dipendente e di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (co.co.co, lavoro a progetto, amministratori, stagisti, etc.).

Fringe Benefit: bollette, mutui prima casa e affitto

A differenza delle agevolazioni previste per l'anno 2023, grazie alle nuove regole della manovra 2024, i datori di lavoro, oltre a beni e servizi, posso attivare, per TUTTI i dipendenti, il rimborso delle utenze domestiche di luce, acqua e gas naturale (no GPL).
Altra grande novità è che rientrano tra i fringe benefit anche il rimborso delle spese sostenute per l’affitto e degli interessi sul mutuo della prima casa.

Up Day ha le soluzioni fiscalmente vantaggiose per dare di più ai tuoi dipendenti

Buoni Acquisto Cadhoc

Puoi scegliere Cadhoc, il Buono Acquisto per i dipendenti 100% deducibile, esente IVA, senza oneri fiscali e previdenziali, spendibile dove, come e quando vuoi per acquistare ciò di cui si ha più bisogno.

Spesa | Carburante | Elettronica | Casa | Bellezza | Animali e tanto altro in più di 30.000 punti vendita dai brandi più noti.

Scegli il valore dei buoni, il taglio, la modalità di consegna (via app al dipendente o blocchetto cartaceo) e al resto pensa Up Day.

Buoni Acquisto Cadhoc Digitali e Cartacei

Rimborso Utenze Domestiche

Nell'ambito dell'importo per i fringe benefit, possono essere riconosciuti, per TUTTI i lavoratori, anche:il rimborso delle bollette, relative al 2024, del servizio idrico integrato (acqua), dell'energia elettrica e del gas naturale (escluso GPL), attivando il Portale Welfare sulla piattaforma Day.

Rimborso spese Affitto prima casa

Sempre attivanto il Welfare Aziendale, rientra tra i fringe benefit anche il rimborso per le spese sostenute per il canone dell'affitto della casa in cui si abbia residenza e domicilio.

Rimborso Mutuo prima casa

Anche questo rimborso, rientra, come i buoni acquisto, le bollette e l'affitto, nell'importo dei fringe benefit. Ma è necessario attendere che l'Agenzia delle Entrate specifichi quali spese possono essere riconosciute e in che modalità.

Benefit Piattaforma Day Welfare con rimborso utenze domestiche di luce, acqua e gas

Inoltre, attivando un piano di Welfare aziendale, abbatti i costi e proponi altri servizi detassati per il lavoratore.
Famiglia | Trasporto | Salute | Benessere | Previdenza